Epidurolisi

L’epidurolisi è indicata nel trattamento della stenosi del canale vertebrale, congenita o acquisita (es. aderenze da pregressi interventi chirurgici sul rachide o failed back surgery syndrome).

L’epidurolisi è una tecnica mininvasiva che prevede, sotto guida fluoroscopica ed in anestesia locale o blanda sedazione, l’introduzione di un catetere/elettrodo che attraverso una lisi meccanica e farmacologica, permette lo sbrigliamento delle radici nervose riducendo così la sintomatologia dolorosa. È possibile, inoltre, attraverso la punta di questo particolare elettrodo, eseguire la radiofrequenza pulsata gangliare a più livelli.

CASE STUDY EPIDUROLISI

Mario, 50 anni, soffre da anni di mal di schiena lombare con irradiazione agli arti inferiori (lombosciatalgia). Mario negli anni passati è stato sottoposto a due interventi chirurgici alla schiena: 1) asportazione dell’ernia (discectomia), 2) stabilizzazione vertebrale. Nonostante questi due interventi Mario non ha risolto il suo problema, anzi la sintomatologia è peggiorata, per cui si rivolge al dottore Lo Bianco. Dopo un’attenta valutazione dell’imaging radiologico (risonanza magnetica lombare), dello studio elettromiografico ed una accurata visita specialistica, il dottore Lo Bianco propone un intervento di epidurolisi. È una procedura mininvasiva che prevede, sotto guida fluoroscopica e dopo anestesia locale o blanda sedazione, l’introduzione di un catetere che, attraverso una lisi meccanica e farmacologica, permette lo sbrigliamento delle radici nervose compresse o stirate da cicatrici chirurgiche, riducendo così la sintomatologia dolorosa.

“Avevo perso le speranze di ritornare a una vita normale dopo due interventi chirurgici falliti, il dottore Lo Bianco con un intervento meno invasivo ha risolto il mio problema, riducendo drasticamente il dolore che non mi lasciava più vivere.” Mario

Menu
Contattami